Prototipo di serra solare con sistema ADELIO

Written by admin. Posted in News

Con piacere Vi informiamo che nel corso del mese di Settembre 2012 abbiamo intrapreso in Romania l’installazione della prima serra solare, ovvero la serra che implementa la tecnologia oggetto del brevetto europeo nr. 10015867.4 “Serra solare con sistema di recupero dell’energia” di nostra ideazione.

 

La serra è un bitunnel a 2 navate da 8 m x 42 m di lunghezza. Si tratta di una serra chiusa, senza finestre, coperta con triplo telo gonfiato e posta su un terreno che verrà impiegato per il riscaldamento della serra (strato superficiale del terreno) e per l’accumulo dell’energia prelevata dalla serra e temporanemante depositata nella parte più profonda del terreno a circa 1,5 m di profondità. Questo calore verrà riprelevato quando sarà necessario reindirizzarlo dentro la serra. Il terreno gioca un ruolo fondamentale e pertanto deve essere accuratamente lavorato, compartimentato e isolato dal terreno circostante. 

 

Il programma dei lavori è così scadenzato:

A. Settembre: realizzazione scavo con profondità di 1,5 m per tutta la superficie della serra.

 B. Ottobre: opere murarie, posa dei tubi di riscaldamento interrati, completamento del reinterro e isolamento del terreno 

posa tubi sotterranei

 

C. Novembre – Dicembre: installazione della serra e degli impianti termotecnici (pompa di calore, caldaia, impianto di illuminazione artificiale, impianto di irrigazione, ventilazione e fog-system)

Vasca interna per raccolta acqua meteorica2013-03-15 12.26.35

 Il montaggio si è protratta per tutto l’inverno in condizioni limite: temperature rigide (-15°C), talvolta con vento forte e lavorando su terreno ghiacciato. Tuttavia una volta installata la serra, il microclima interno ha favorito lo scongelamento e in breve tempo abbiamo constatato che, seppur non ancora riscaldata, la serra manteneva una differenza di temperatura tra interno ed esterno di almeno 10°C.

  

 vasca interna20130704_23193820130704_142146

  

D. Luglio: inaugurazione della serra e start-up del test. Obiettivo: coltivare ortaggi in genere per 12 mesi / anno con minor costi di esercizio. Il termine del collaudo è previsto per il 31 dicembre 2013.

 

 

Chi fosse interessato ad avere il testo del brevetto può rivolgersi direttamente all’ufficio tecnico della ditta Agrimec.

Commenti (16)

  • matteo rosolen

    |

    salve, sono un ragazzo che segue molto le novità nel mondo delle serre proprio per passione, soprattutto per quelle indirizzate alla produzione di ortaggi. Vorrei tanto saperne di più su questo Vostro progetto, anche perché quest’anno ho gli esami di stati poiché studente al quinto anno dell’istituto tecnico agrario ”G.B. Cerletti ”…. vi lascio anche il mio numero di telefono 3478838527 grazie sarebbe gradita una risposta

    Rispondi

    • Sergio

      |

      rispondo al messaggio che avete lasciato nella nostra pagina web a riguardo della serra solare con sistema Adelio.
      E’ in fase di sperimentazione e lo sarà fino alla fine del 2013.
      Solo dopo quel periodo saremo in grado di valutare la vendita di questo sistema effettivamente innovativo. Saremo ovviamente in grado anche di valutare il suo costo.
      E’ un impianto pensato per superfici di almeno 1 ha, da momento che non godere al momento degli incentivi disponibili.
      Se diversamente verrà introdotto un sistema di incentivazione anche per serre di questa tipologia, allora probabilmente potremo offrire una serra anche di dimensioni più piccole.

      Rispondi

  • Daniele Roccoberton

    |

    buongiorno. Trovo interessante questa realizzazione di serra con sistema Adelio, sto valutando possibilità di realizzo serra a risparmio energetico e di nuova concezione da realizzare in crozia. Potrei avere testo brevetto ed eventuale costo? come metratura la vs realizzazione potrebbe essere giusta x me. Grazie

    Rispondi

    • Sergio

      |

      rispondo al messaggio che avete lasciato nella nostra pagina web a riguardo della serra solare con sistema Adelio.
      E’ in fase di sperimentazione e lo sarà fino alla fine del 2013.
      Solo dopo quel periodo saremo in grado di valutare la vendita di questo sistema effettivamente innovativo. Saremo ovviamente in grado anche di valutare il suo costo.
      E’ un impianto pensato per superfici di almeno 1 ha, da momento che non godere al momento degli incentivi disponibili.
      Se diversamente verrà introdotto un sistema di incentivazione anche per serre di questa tipologia, allora probabilmente potremo offrire una serra anche di dimensioni più piccole.

      Rispondi

  • natalino

    |

    se possibile due domande , i tubi interrati penso siano in polietilene…non vengono rosicchiati dai topi? , quel contenitore / scavo con l’acqua e per quella piovana?..

    Rispondi

    • Sergio

      |

      I tubi interrati sono di polietilene ad alta densità, gli stessi che si impiegano per gli impianti geotermici orizzontali.
      Il bacino di raccolta è una vasca interna riempita sia dall’acqua meteorica che da altre fonti (pozzo …). Trovandosi all’interno della serra mantiene l’acqua ad una temperatura più alta e meno stressante per le radici in fase di irrigazione. E’ un volano termico e inoltre mantiene la serra meno secca in talune stagioni dell’anno. In inverno deve essere coperta per limitare l’evaporazione.

      Rispondi

  • carlo

    |

    salve
    visti i lavori x la preparazione il costo finale dell’impianto sarà iperbolico
    ammesso che si potrebbe fare orticole 365 gg quale sarebbe secondo voi con una produttività media il tempo di ammortamento dell’impianto??

    Rispondi

    • Sergio

      |

      Progetto ancora in fase di sperimentazione. Pertanto non siamo ancora in grado di confermare i tempi di ammortamento di tale impianto. Tuttavia possiamo confermare che è possibile coltivare 365 gg / anno in zona mitteleuropea.

      Rispondi

  • Ivan

    |

    Ciao Sergio, solo ora sono riuscito ad apprezzare il brevetto, veramente eccezionale. Ciao a presto

    Rispondi

    • Sergio

      |

      Fa piacere ricevere questi apprezzamenti.

      Rispondi

  • Mario

    |

    Salve Sergio oggi 22/01/2015 immagino che il vostro progetto arrivato al termine abbia dato buoni risultati !!! Vorrei sapere , abitando in piemonte ,
    – quanto delta può sopportare ADELIO per una futura coltura al chiuso.
    – che volume occupa dentro la serra.
    – è già in vendita e che riscontro ha , e costo approssimato a modulo
    – è venduto necessariamente con la serra inclusa
    ringrazio anticipatamente per la risposta , ancora complimenti per l’idea .
    Saluti Mario C.

    Rispondi

    • Sergio

      |

      salve e grazie per l’interesse.
      Il test non è ancora terminato. Ha mostrato sin da subito i lati positivi: la serra è ben isolata e quindi facile da riscaldare, basta considerare che senza impianto di riscaldamento in funzione, registravamo già lo scorso inverno un DT di circa 10°C. L’aspetto negativo è stato sin da subito il controllo dell’umidità, che ci ha obbligati a rivedere e integrare parte del progetto. Cosa che abbiamo fatto e da Novembre abbiamo rilanciato il test con l’aggiunta di un impianto per la deumidificazione. Non siamo ancora pronti per la commercializzazione. Credo che la taglia minima per un sistema di questo tipo sia non meno di 2-3000 mq. Se poi il terreno fosse servito da rete gas meglio ancora, si potrà installare un cogeneratore da affiancare alla pompa di calore. Quindi non resta che dire arrivederci.

      Rispondi

      • Mario

        |

        Salve Sergio , Grazie per la celere risposta , mi interessa molto il vostro progetto che si sposa con il mio di una serra pseudo-tropicale che non avrebbe problemi per l’eccessiva umidità l’idea sta prendendo piede su un terreno nelle vicinanze di lanzo torinese e avrei bisogno per la stesura del progetto di numeri anche approssimati per essere operativi l’anno prossimo . Si può continuare la conversazione su email privata . Sono disposto anche a venire nella vostra sede previo appuntamento e senza obbligo da entrambe le parti .

        Rispondi

  • Emanuele

    |

    Salve,
    avete risolto i problemi di umidità?
    Mi permetto di segnalarvi un prodotto potenzialmente sinergico alla vostra mission: AGAM Convertitore ventilato di calore latente.
    Direi che per serre coibentate e arricchite in CO2 comq quelle che proponete è un prodotto che ha il suo motivo di essere.
    Intorno a che percentuali di umidità riuscite a tenere attualmente le serre in inverno?
    D’estate alle nostre latitudini come combattete il surriscaldamento?
    Sono anni che valutiamo l’implementazione delle serre geotermiche nella nostra azienda ma le tecnologie sembrano ancora immature,
    aspetto curiosamente una vostra smentita.

    Emanuele

    Rispondi

    • Sergio

      |

      conosciamo AGAM. Non è l’unica soluzione per ridurre l’umidità e recuperare calore. Nella nostra serra chiusa l’umidità più critica raggiunge valori attorno all’80%.
      Il surriscaldamento estivo è evitato con il ricambio d’aria forzato unitamente al raffrescamento adiabatico con fog-system che ci permette di umidificare la serra nel periodo in cui tenderebbe a seccare.

      Rispondi

Lascia un commento

Trasporti

AGRIMEC è convenzionata con numerose ditte di autotrasporto.
In tempi rapidi e con professionalità consegna le proprie merci in tutta Italia a condizioni poco onerose per il cliente.

Installazioni

AGRIMEC si serve di artigiani qualificati per l’installazione dei suoi impianti.
Il montaggio di una serra o di un impianto è un aspetto assolutamente di primaria importanza. Va affidato a professionisti dotati di capacità, esperienza e organizzazione.
Su richiesta AGRIMEC può anche assumere la direzione del lavoro.

Assistenza

Assistenza pre-vendita e post-vendita.
Su richiesta massima disponibilità per

  • Sopralluogo di un ns. tecnico presso il cliente
  • Offerte senza alcun impegno
  • Disegni, progettazione, dichiarazione di idoneità statica e conformità